Zona bianca: quale futuro per gli eventi digitali?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’estate segna il ritorno alla normalità: tornano gli eventi, che ne sarà di quelli digitali? Resteranno

zona bianca eventi digitali

Con la zona bianca ripartono gli eventi, a lungo solo digitali, e ora anche organizzati in presenza

La pandemia ci ha privato degli incontri fisici, considerati fondamentali e irrinunciabili fino a gennaio 2020: gli eventi sono stati in assoluto la categoria più penalizzata e ancora oggi il settore stenta a ripartire.

Regole stringenti, problemi di budget e timore nell’organizzazione di eventi fisici hanno prodotto uno scenario in cui, ad oggi, sono ben poche le aziende che hanno ripreso le attività in presenza.

zona bianca: riprendono eventi in presenza. Quale futuro per quelli digitali?

La quinta edizione dell’indagine relativa all’Industria degli Eventi e della Live Communication di fronte alla crisi Covid-19 presentata da Astra Ricerche mostra ancora, un quadro negativo, con, nel 2020, il 40% degli intervistati che perde almeno l’85% del fatturato. E gli effetti negativi sono presenti anche quest’anno. Gli eventi digitali registrano quindi una crescita costante, ma le aziende sentono la mancanza di quelli fisici (94,5%). (fonte: Ricerca Astra – Club degli eventi)

Eventi digitali sono parte delle strategie delle imprese

Nonostante le aziende lamentino la mancanza degli eventi in presenza, per le interazioni umane che questi garantiscono, cresce tuttavia un sempre maggiore apprezzamento verso gli eventi digitali, anche in ‘zona bianca’. Oltre il 90% dei professionisti degli eventi prevede infatti di incorporare in via definitiva nella propria strategia gli eventi virtuali.

I vantaggi delle attività da remoto

Sono diversi i vantaggi riscontrati in questa tipologia di evento.

1. La diffusione: l’audience raggiungibile è esponenzialmente più vasta senza particolari aggravi nei costi;

2. L’esperienza: grazie alle nuove tecnologie sviluppate  l’interazione da parte dei partecipanti viene mantenuta alta, anche se non in presenza.

zona bianca: gli eventi digitali continuano a svolgersi

3. Il monitoraggio: i dati relativi al pubblico (presenza, interazione) sono facilmente tracciabili.

4. I contenuti: a seguito della registrazione dell’evento,  tutti i contenuti restano a disposizione e possono essere utilizzati in periodi successivi.

5. La presenza di speaker di rilievo:  non dovendo essere presenti fisicamente, molti speaker di rilievo sono più disponibili ad intervenire, con budget più gestibili.

 Eventi ibridi: digitali e con alcuni partecipanti presenti

Mentre un evento virtuale si tiene completamente online, con ospiti e relatori che sono connessi solo virtualmente, gli eventi ibridi sono invece una commistione tra fisico e online: una parte dei partecipanti è presente fisicamente (ad esempio i dipendenti di una sede) mentre gli altri partecipanti saranno collegati virtualmente grazie alle nuove tecnologie. 

In questo modo si crea un ponte virtuale tra i partecipanti che concilia online e offline

Eventi fisici

zona bianca: eventi in presenza se garantito distanziamento

Naturalmente non si può applicare il protocollo ibrido a tutti i tipi di eventi: ci sono manifestazioni come ad esempio i concerti o gli spettacoli cosiddetti live non sono sostituibili, in quanto la componente fisica è condizione necessaria per una fruizione gratificante dell’esperienza.

Certo le regole molto stringenti imposte dall’ultimo Decreto del 18 maggio rendono la ripresa di questi evento ancora molto difficoltosa: le Linee Guida di ConfCommercio parlano chiaro.

Cosa ci riserva il futuro

zona bianca eventi digitali

Difficile dirlo, si potrà però guardare al virtuale e all’ibrido come a delle grandi opportunità capaci di stupire i partecipanti e offrire sempre nuove esperienze di engagement. 

I vantaggi sono e continueranno ad essere tanti, ma sarà necessario formare delle nuove figure professionali trasversali, che uniscano le competenze di un event manager a quelle di un esperto di progettazione di eventi digitali, anche e soprattutto in ‘zona bianca’

La nostra proposta: visibilità, concretezza, risultati

Lo studio di una strategia di comunicazione e di posizionamento è quindi in questo momento un argomento molto delicato:  il nostro network sta aiutando i propri  clienti ad affrontare le nuove sfide con un supporto concreto che consenta loro di ripartire con la giusta visibilità.

Vuoi saperne di più?

Visita la nostra pagina su cosa facciamo per le aziende.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Potrebbero interessarti anche: